Luigi Palazzo ci porta al Bar Samarcanda dove poesia, musica e una molteplicità di anime si incontrano

La raccolta di poesie di Luigi Palazzo, uscita per Transeuropa Edizioni, potrebbe essere vista anche come l’idea per un album musicale, i versi trasformati in canzone, i personaggi che popolano il Bar Samarcanda prendere vita in un blues dell’anima.

Naturalmente non è solo la forte componente musicale a colpire in questa raccolta, ma è la grande capacità di leggere dentro il cuore, tratteggiare con poche parole, accurate, ben scelte, la vita di una persona. Luigi Palazzo sceglie un luogo, un piccolo mondo, per descrivere la pluralità della vita e delle emozioni. Alcuni sono vittime di commedie, altri di tragedie. Tutti hanno i loro sogni, le loro speranze, racchiusi in un bar, in una città di provincia, vittime forse del loro tempo ma non per questo meno interessanti.

Insomma, non lasciate sfuggire questa raccolta di poesie, vi troverete immersi in un ritmo unico, che vi accompagnerà giù tra i meandri delle speranze e su, tra i sogni di ognuno di noi.

Stefania Grosso