Un estratto dalla raccolta di Ballate di Mariano Lizzadro

LA BALLATA DELLA FAME D’ARIA

Si muore per fame d’aria
fra un notiziario e l’altro
in un reparto d’ospedale
nell’indifferenza generale
mentre fuori voci sconnesse
o sui social per fare kermesse
sbraitano disinformazione
convinti di avere piena ragione

LA BALLATA DELLA GIOVINEZZA

Tante serate a ridere e parlare scherzando
col tuo sorriso spalancato sul mondo
che faceva a pugni con lo sguardo severo
delle poche volte quando per un nonnulla
ti alteravi per la giocata a carte sbagliata
eri un confidente prezioso e mi proteggevi
nel mare della vita fra ondate e sbandate
fra i ricordi rimasti vividi della tua bontà
della bella giovinezza trascorsa insieme
e i lividi dell’anima rimasta pesante
che sei andato via troppo velocemente

LA BALLATA DELL’ALLEGRIA

A volte mi sento così stanco
pieno di acciacchi e malumori
ma quando ti vedo gioisco
e t’immagino acqua e parole
mentre ti muovi delicata come una foglia
sospinta dal vento della tua età
dipinta in un quadro con la voglia
di vita che hai, allegra felicità

Mariano Lizzadro, scrittore lucano, classe ’72

Grazie a LucaniArt per la concessione.