Appuntamento settimanale con le news letterarie (e non solo…)

Apriamo il nostro appuntamento con le news letterarie con un libro che ben si allinea con le notizie delle ultime settimane (e giorni, anzi): Crypto Bluff di Ginox, uscito per Eris Edizioni. Un piccolo saggio, divertente e al tempo stesso molto acuto nell’analizzare la bolla delle criptovalute.

Per Il Saggiatore invece esce un libro che è un invito a riscoprire il mondo all’aria aperta e ciò che offre la natura: Piccolo manuale illustrato per cercatori di fiori, con le bellissime illustrazioni di Marina Lombardi.

Un libro in cui ogni capitolo, ogni personaggio, dà vita a quello successivo; un libro in cui mille fili si uniscono in molteplici vite. Parliamo di Madama Matrioska di Anja Boato, in libreria per Accento Edizioni.

Sempre un gioco di incastri e intrecci troviamo in Se tutti diventassero re di Giuseppe Foderaro, in uscita per Arkadia Editore, dove passato e presente si intersecano magistralmente.

La principessa, figura delle fiabe, da proteggere e salvare. Ma se le principesse riacquistassero la loro voce? Se mettessero in mostra limiti e gabbie del patriarcato? Lo racconta Giusi Marchetta in Principesse Eroine del passato, femministe di oggi, in libreria per add.

Torna Mazo de la Roche, per Fazi Editore, con I frutti di Jalna, nuovo capitolo della saga familiare dei Whiteoak.

Delle conseguenze del cambiamento climatico e condito da elementi noir parla invece Prima della rivolta, suggestivo romanzo di Michele Turazzi in uscita per nottetempo.

Suggestivo è anche il romanzo di Daniele Petruccioli, in uscita per TerraRossa, Si vede che non era destino. Storia di una bambina, di una donna, di una vita speciale, quella di Maria.

Sarajevo, 1992. Conosciamo bene il dramma, i fatti che portarono all’assedio e la tragedia. Damir Ovčina ripercorre con la memoria quei giorni dando vita a un formidabile esordio, Preghiera nell’assedio, il libreria per Keller.

Ed infine per Morellini Editore troviamo L’aroma inconfondibile del tè, romanzo di spionaggio e di formazione di Maria Elisabetta Giudici ambientato nel medio oriente dell’Ottocento.

Link belli e interessanti

Una vita come tante continua a dividere critica e pubblico.

Un’intervista a Margaret Atwood.

Meme, strategie e un uso anticapitalista dei social.

Horror, case infestate e politiche abitative scellerate.