Massimo Gerardo Carrese – Spuntisunti

carrese massimo gerardo spuntisunti declic edizioni recensione

Slegate le parole e i sensi e avventuratevi nei Spuntisunti di Massimo Gerardo Carrese

Una nuova avventura editoriale, Declic Edizioni, ci porta a conoscere la prosa sperimentale, accomunabile alla microfiction, di Massimo Gerardo Carrese con il suo Spuntisunti.

Che cos’è Spuntisunti? Difficile catalogarlo. A primo impatto si tratta di una raccolta di componimenti brevi che partono dall’osservazione di un oggetto, di un momento, di una persona. Però poi, attraverso l’occhio e la mente dell’autore, queste osservazioni prendono vita, slegando le parole che formano il senso di ciò che sta avvenendo per trovare nuovi significati.

Nelle metafore, nelle assonanze, negli anagrammi, prende vita un nuovo mondo, un nuovo modo per raccontare la quotidianità, fatto di nuove regole e nuove parole. Massimo Gerardo Carrese si lascia andare, mescolando parole e comicità, curiosità e voglia di ridefinite il mondo. E ci riesce benissimo, lasciando sorrisi e nuove visioni, pagina dopo pagina.

Un libro breve, costruito su immagini brevi, come istantanee fotografiche, ma che regala al lettore una nuova voglia di leggere e di sperimentare con il linguaggio, giorno dopo giorno, anche nella banalità del quotidiano, che in questo caso diventa una nuova realtà coinvolgente.

Stefania Grosso